Spazio web dedicato alle informazioni sulle politiche dell'Università di Torino

Diritto allo studio universitario

Pagina in corso di aggiornamento con Regolamento contribuzione 2018/19

Aggiornamento della pagina al 05/06/2018

Il diritto allo studio universitario si riferisce alla libertà, per ogni cittadino e cittadina capace e meritevole, di intraprendere il percorso universitario, anche se privo di mezzi economici.

È dovere dello Stato e delle sue istituzioni garantire questo diritto attraverso l’accesso a borse di studio, assegni alle famiglie e altre forme fruibili attraverso concorso.

L’Università di Torino interviene con una politica contributiva attenta a sostenere la piena realizzazione di questo diritto e interviene attraverso le seguenti azioni:

  1. Una tassazione fortemente progressiva, per tutelare le fasce di reddito più basse
  2. Il finanziamento a borse di studio, premi e collaborazioni a tempo parziale, per offrire opportunità diversificate di aiuto economico
  3. Una politica di esoneri totali o parziali nel pagamento della contribuzione.

È un diritto:

  • Sancito dall’art. 34 della Costituzione italiana
  • Ripreso nell’art. 26 della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo delle Nazioni Unite.

1. Tassazione fortemente progressiva


Note di navigazione:
1- Passa il mouse su ogni anno accademico per evidenziare la linea relativa.
2- Clicca su ogni anno accademico per nascondere la linea relativa.

 

 

*Per l’a.a. 2017/18 gli studenti con reddito ISEE fino a 13.000 euro sono esonerati dal pagamento della contribuzione, se in possesso dei requisiti previsti dalla Legge di Bilancio 2017. Nel grafico si considera la condizione per matricole, studenti/esse in corso o fuori-corso di un anno con requisiti di merito: approfondisci alla pagina Contribuzioni studenti 2017/2018.

Il grafico sull’andamento negli anni della contribuzione studentesca mostra una curva fortemente progressiva che, anche negli anni più recenti, si è accentuata ulteriormente a vantaggio di chi ha redditi più bassi.
Sull’asse orizzontale sono riportati i valori ISEE, una misura diversa dal reddito Irpef.

Leggi anche:

Contribuzioni studenti 2017/2018 Le regole dettate dalla Legge di Bilancio 2017

 

L’Ateneo di Torino rimane tra le Università pubbliche italiane che mantiene importi di contribuzione più bassi. Alcuni scenari di comparazione, su dati 2015, consentono il confronto fra le diverse politiche adottate dai diversi Atenei.

Qui a fianco sono riportati altri importi sui quali il regolamento contribuzione è intervenuto per contenere l’aumento di spesa a carico delle famiglie con redditi più bassi.

a.a. 17/18 a.a. 16/17 a.a. 15/16 a.a. 14/15 a.a. 13/14
1^ rata di contribuzione € 156 (si tratta della Tassa regionale per il diritto allo studio + l’imposta di bollo) € 325 + € 156 (per Tassa regionale per il diritto allo studio + imposta di bollo) € 325 + € 156 (per Tassa regionale per il diritto allo studio + imposta di bollo) € 325 + € 156 (per Tassa regionale per il diritto allo studio + imposta di bollo € 323 + € 156 (per Tassa regionale per il diritto allo studio + imposta di bollo

Esenzione ISEE
Esenzione 2^ rata
(fino a.a. 16/17)
< € 15.000 < € 12.100 < € 11.000 < € 11.000
Esenzione 2^ e 3^ rata
(da a.a. 17/18)
< € 13.000, in caso di possesso dei requisiti di merito previsti

Valore massimo
2^ rata
(fino a.a. 16/17)
€ 2.216 € 2.216
(+ €29 sulla fascia massima rispetto all’a.a. precedente)
€ 2.187
(+ €80 sulla fascia massima rispetto all’a.a. precedente)
€ 2.107
2^ e 3^ rata
(da a.a. 17/18)
€ 2.640
Contributo per Test di ammissione € 50 € 50 € 50 € 50 € 100
Tassa di Immatricolazione eliminata € 53 per i corsi di studio di I livello
€ 80 per i corsi di studio di II livello
€ 106 per i corsi di studio a ciclo unico
€ 53 per i corsi di studio di I livello
€ 80 per i corsi di studio di II livello
€ 106 per i corsi di studio a ciclo unico
€ 53 per i corsi di studio di I livello
€ 80 per i corsi di studio di II livello
€ 106 per i corsi di studio a ciclo unico
€ 53 per i corsi di studio di I livello
€ 80 per i corsi di studio di II livello
€ 106 per i corsi di studio a ciclo unico
Tassa di Laurea eliminata € 62 se ISEE < € 50.000
€ 75 se ISEE > € 50.000 e < € 70.000
€85 se ISEE > € 70.000
€ 62 se ISEE < € 50.000
€ 75 se ISEE > € 50.000 e < € 70.000
€85 se ISEE > € 70.000
€ 62 se ISEE < 50.000
€ 75 se ISEE > 50.000 e < € 70.000
€ 85 se ISEE > € 70.000
€ 70

Altre iniziative per dare pieno compimento al diritto allo studio riguardano due diverse forme di sostegno:

  • Borse e premi economici, cioè aiuti economici in senso stretto
  • Esoneri contributivi totali o parziali, cioè forme di esenzione dal pagamento di oneri

Anche su questi due ambiti di azione, la politica contributiva dell’Università di Torino è attenta a integrare le borse messe a disposizione dall’Edisu (Ente Regionale per il Diritto allo Studio Universitario del Piemonte), con altre opportunità per studenti e studentesse meritevoli o che si trovano in condizioni di difficoltà economica.

2. Borse e premi economici




3. Esoneri contributivi totali o parziali

Il grafico evidenzia le diverse forme attraverso le quali si declinano le possibilità offerte dall’Università di Torino di ottenere l’esonero totale dal pagamento della contribuzione.

Per approfondire i temi emersi, clicca sul pulsante + nel grafico. Si consiglia la consultazione da pc.

Esoneri parziali

Il grafico dà conto del numero complessivo di studenti che non pagano la 1^ o la 2^ rata di contribuzione.