Spazio web dedicato alle informazioni sulle politiche dell'Università di Torino

Analisi dei risultati di UniTo

Aggiornamento della pagina al 18/02/2019

 2018

La performance di UniTo si mantiene molto superiore alla media del sistema universitario: a fronte di un turnover di sistema del 100%, UniTo ha ottenuto il 117% del turnover (il 17% in più rispetto alla media nazionale.)

Finanziamenti FFO e di reclutamento organico: consulta le analisi sui risultati premiali (pagina accessibile con credenziali SCU)

2017

La performance di UniTo si mantiene molto superiore alla media del sistema universitario: a fronte di un turnover di sistema dell’80%, UniTo ha ottenuto il 94,73% del turnover (quasi il 20% in più rispetto alla media nazionale.)

2016

La performance di UniTo vede un ulteriore lievissimo miglioramento nel 2016: all’aumentare del turn over di sistema dal 50% al 60%, UniTo passa da +22% del 2015 a +23% del 2016 rispetto alla media del sistema universitario, ottenendo il 74,1% del turnover.

2014-2015

Il turnover medio del sistema universitario nazionale per gli anni 2014 e 2015 è fissato al 50%: nell’anno 2014 l’Università di Torino ha ottenuto un turnover del 43,97% (al di sotto della media di sistema), nel 2015 è salito al 61,00% posizionandosi al di sopra della media.

Tale miglioramento dei numeri 2015 dell’Ateneo di Torino deriva da maggiori finanziamenti dal MIUR, attraverso la crescita della quota 2015 del Fondo di Finanziamento Ordinario (FFO) (per sapere come si determina l’FFO si rimanda alla presentazione illustrata nelle Regole di finanziamento).

La crescita di UniTo nel 2015 è riconducibile principalmente a due ragioni:

  1. L’effetto dell’introduzione del costo standard, che premia l’Università di Torino storicamente sottofinanziata
  2. L’effetto della riduzione delle spese di personale (che sono diminuite molto negli ultimi anni) e del contenimento di affitti passivi e mutui.

Ragioni che hanno qualificato UniTo in misura maggiore rispetto ad atenei analoghi per numeri e FFO, consentendo di ottenere una quota maggiore di punti organico premiali, con positive ricadute sul turnover dell’Ateneo.